scienze per la vertebratissima 1B classe “gli anfibi”(tipo cordati-sottotipo vertebrati)

ricorda categorie sistematiche dei viventi (Carlo Linneo) :Regno-sottoregno-tipo o phylum- sottotipo -classe-ordine-famiglia-genere –specie

es Canis lupus(lupo) Canis= genere  lupus = specie

ANFIBI

La comparsa degli Anfibi risale al Devoniano, circa 370 milioni di anni fa; si originarono dai

Pesci Crossopterigi che, vivendo in acque costiere basse, avevano evoluto veri adattamenti per lasciare temporaneamente l’acqua e spostarsi sul terreno con le pinne. Si possono definire i“progenitori” di tutti gli altri Vertebrati terrestri: Rettili, Uccelli Mammiferi.

Gli Anfibi costituiscono una Classe di Vertebrati che comprende più di 6.000 specie viventi:

Anuri: comprendono le specie con adulti privi di coda (es. rane e rospi).

Urodeli: chiamati anche Caudati, raggruppano specie nelle quali gli adulti sono forniti di

coda (es. salamandre e tritoni).

Apodi: vivono nelle regioni tropicali e sono specie prevalentemente fosso rie (presentano un

corpo vermiforme senza arti).

In Italia sono presenti circa 40 specie degli ordini di Anuri e Urodeli.

Durante il loro ciclo vitale gli Anfibi si comportano in due modi diversi (come indicato nel

nome, dal greco amphi = doppio e bios = vita): depongono le uova in ambiente acquatico dalle quali

schiudono larve (i girini) che respirano l’ossigeno disciolto nell’acqua per mezzo di branchie. Dopo

la metamorfosi i giovani Anfibi respirano l’ossigeno dell’aria (con polmoni, mucosa della bocca e

cute) ottenendo così la conquista dell’ambiente terrestre.

Per evitare la disidratazione restano legati all’acqua. Sono spesso attivi di notte efrequentano ambienti con elevata umidità. Gli Anfibi hanno la pelle nuda e delicata con ghiandole mucose che permettono di mantenerla sempre bagnata per realizzare la respirazione cutanea, è questo che conferisce agli animali il caratteristico aspetto “viscido”.Sono presenti anche ghiandole granulose che producono sostanze tossiche con funzioni difensive,queste ghiandole rendono gli Anfibi poco appetibili ai predatori, perché hanno immediati effetti irritanti. Spesso sfoggiano colorazioni molto vistose (aposematiche) che permettono di segnalare, ai possibili predatori, la loro tossicità.

Gli Anuri (rane e rospi)sono forniti di zampe di notevoli dimensioni, in relazione al tipo di locomozione:sono in grado di spostarsi sul suolo saltando o di procedere in acqua con le potenti spinte degli arti posteriori. Gli Urodeli hanno invece zampe poco sviluppate e si muovono goffamente sul terreno;nei tritoni la coda è appiattita in senso verticale e viene usata in acqua come organo propulsore. La maggior parte degli Anfibi è ovipara, cioè si riproduce tramite uova che vengono deposte in acque, ferme o debolmente correnti, poiché essendo prive di un guscio protettivo si seccherebbero all’aria in breve tempo. Ogni femmina depone un gran numero di uova (anche alcune migliaia) che, a seconda delle specie, possono essere isolate, riunite in ammassi o in lunghi nastri. Negli Anuri il maschio, aggrappato al dorso della femmina, feconda con gli spermatozoi le uova non appena vengono emesse. Negli Urodeli la fecondazione è interna: il maschio depone a terra una o più capsule di spermatozoi (spermatofore) che la femmina raccoglie al suo interno (nella cloaca).

L’intervallo compreso tra la fecondazione delle uova e la metamorfosi varia a seconda delle specie,

ma in genere l’intero ciclo si compie entro la fine dell’estate.

Gli Anfibi sono animali eterotermi cioè la temperatura del loro corpo varia in funzione di

quella dell’ambiente; quando quest’ultima scende al di sotto di certi valori sono costretti ad

interrompere la loro attività. Il periodo di inattività varia con le condizioni locali. I mesi invernali vengono così trascorsi in cavità riparate del terreno (o in acqua) in uno stato di latenza con metabolismo rallentato. In primavera si ha una ripresa delle attività, coincidente con il

periodo riproduttivo, durante il quale gli individui adulti si radunano nelle zone umide.

In molti Anuri l’apparato respiratorio è strutturato in modo da produrre vocalizzazioni: oltre

alla laringe, che funge da organo vocale, vi sono (per lo più nei maschi) appositi sacchi vocali

interni o esterni che gonfiandosi di aria amplificano i suoni provocando i caratteristici richiami,

tipici soprattutto del momento dell’accoppiamento. Il cibo nella maggior parte degli Anfibi consiste prevalentemente di animali vivi ad eccezione dei girini di alcuni Anuri che si nutrono di vegetali.

Compiuta la metamorfosi i giovani si allontanano dall’acqua per condurre vita terrestre; la maturità sessuale verrà raggiunta dopo alcuni anni. Divenuti adulti ritorneranno all’acqua per accoppiarsi dando origine così ad una nuova generazione.

Questa voce è stata pubblicata in scienze 1 media. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...