IL MICROSCOPIO OTTICO PER OSSERVARE UN MONDO INVISIBILE AD OCCHIO NUDO

 

Tra gli strumenti più importanti nello studio delle cellule e dei microrganismi c’è sicuramente il microscopio ottico. Esso assolve due importanti funzioni:

  • ingrandisce oggetti invisibili ad occhio nudo
  • permette di vedere separati due oggetti che ad occhio nudo appaiono uniti

Un uomo dotato di vista normale, per poter leggere una scritta deve porre gli occhi ad una distanza di almeno 25 – 30 cm dal foglio. A tale distanza l’occhio è in grado di separare due punti distanti almeno 0,075 – 0,1 mm. Due punti più vicini vengono quindi visti come un unico punto. Questa distanza viene detta potere o limite risolutivo dell’occhio.
Siccome le cellule degli organismi procarioti hanno dimensioni dell’ordine di 2 milionesimi di metro (2 micrometri) e le cellule eucariote hanno un diametro medio di 10 – 30 micrometri, per studiarle è necessario uno strumento ottico che ci permetta di valutarne la morfologia: con un buon microscopio ottico che utilizzi la luce bianca siamo in grado di discernere nitidamente oggetti con un diametro superiore a 0,2 micrometri. Quindi il potere risolutivo del microscopio ottico è di 0,2 micrometri e non siamo in grado di osservare oggetti di grandezza minore. Con un adatto sistema di lenti si è in grado di ottenere ingrandimenti superiori a mille volte la dimensione reale dell’oggetto osservato
.

Struimagettura del microscimageopio ottico

La struttura di un microscopio ottico si può suddividere in due parti principali:

  • una parte meccanica (stativo)
  • una parte ottica

Schema di un microscopio ottico: vengono evidenziate le parti più importanti

Lo stativo a sua volta è composto  da:

  • un sostegno, che di solito è molto pesante; in questo modo vengono minimizzate le vibrazioni che provengono dal piano di appoggio
  • un tavolino portaoggetti, in genere mobile (piano traslatore), sul quale vengono appoggiati i vetrini, presenta un’apertura attraverso la quale passa la luce che proviene da una sorgente luminosa. Esso è raccordato al sostegno mediante un sistema di manopole che permette sia grandi movimenti del tavolino in alto e in basso (manopola macrometrica) sia spostamenti più ridotti, sempre nelle stesse direzioni,  che servono per regolare la messa a fuoco dell’oggetto osservato (manopola micrometrica);

Particolare del tavolino portaoggetti con l’apposita levetta utilizzata per ancorare il vetrino

Particolare delle manopole per la messa a fuoco: sono posizionate in posizione concentrica. La più grande (esterno) è la macrometrica e serve per gli spostamenti più grossolani; la seconda (interno) è la micrometrica e viene utilizzata per la messa a fuoco più precisa

Mediante queste manopole si può spostare il tavolino nelle due direzioni del piano xy (traslazione del vetrino)

Mediante questa scala graduata l’operatore può tenere traccia degli spostamenti di traslazione del piano xy

  • un tubo portalenti, connesso allo stativo: nella sua parte superiore vengono alloggiati gli oculari, che tramite un sistema meccanico a slitta possono variare la loro distanza reciproca, adattandosi alla distanza tra le pupille, che in genere è di 65 mm. All’estremità inferiore presenta un portaobiettivi a revolver sul quale sono montati gli obiettivi.

imageimageimage imageIL  poimage rtalenti: in alto gli oculari, in basso gli obiettivi

Particolare del porta obiettivi: il sistema può essere regolato per adattare gli oculari alla nostra distanza oculare

Particolare del portaobiettivi: viene detto a revolver, perché permette di cambiare obiettivo senza smontare o rimontare nulla ma semplicemente ruotando il supporto.

La parte ottica è composta da:

  • un dispositivo di illuminazione, composto da una lampada ad incandescenza o alogena e un condensatore; il condensatore è un sistema ottico costituito da diverse lenti, che permette di focalizzare la luce in un unico punto. Questa capacità viene regolata tramite un diaframma ad iride

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a IL MICROSCOPIO OTTICO PER OSSERVARE UN MONDO INVISIBILE AD OCCHIO NUDO

  1. vale ha detto:

    prof lei è strasupermitiko cm la 1b .è fantastiko e noi le vogliamo beniximo(almeno quanto uno dei cinque mondi)by by vale e andry

  2. abcde ha detto:

    prof… domani non potrò venire alla verifica di Geometria (anche se sono preparato)perchè fino a questa sera ho avuto la febbre a 39° la prego di farmi svolgere la verifica il giovedì….. Distinti saluti Mirulla Andrea

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...